Presidio Partecipativo del Patto di Fiume Simeto

L'associazione nasce con lo scopo di dare attuazione al "Patto di Fiume Simeto" per la componente partecipativa dei cittadini

News

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Accetto Termini e condizioni d'uso
Image

Ecomuseo

Il Presidio Partecipativo del Patto di Fiume Simeto, organizzazione nata per dare attuazione alla componente partecipativa del Patto di Fiume Simeto, lavora ormai da diversi anni al coinvolgimento della comunità nella cogestione responsabile e partecipata della Valle del Simeto, un territorio a cavallo tra monti Nebrodi, Erei e il vulcano Etna.

Progetti del Presidio

Il progetto nasce dalle attività di ricerca-azione della CoPED Summer School 2019 sul tema della riduzione dei rifiuti. #Students4Simeto ha l’obiettivo di coinvolgere gli studenti della Valle del Simeto in una campagna di sensibilizzazione sull’importanza della riduzione dei rifiuti rendendoli protagonisti, tramite attività di service learning, del miglioramento del proprio ambiente di vita; aumentare la consapevolezza della comunità sull’importanza della prevenzione dei rifiuti e sulla necessità di modificare il proprio stile di vita.
Image
Il progetto intende creare percorsi di empowerment e partecipazione di cittadini e organizzazioni del territorio dando impulso ad un sistema di imprenditoria sociale diffusa a vantaggio dei giovani. A seguito di un percorso formativo sulla gestione di processi di sviluppo locale, verrà costituito un nuovo soggetto collettivo, dedicato alla valorizzazione della Valle, che offrirà alla comunità locale competenze nei settori della progettazione e dell’avvio d’impresa (incubazione ed accelerazione) e opportunità formative.
Image

Patto di Fiume Simeto

Il Patto di Fiume Simeto è un accordo volontario sottoscritto da 10 comuni (Adrano, Belpasso, Biancavilla, Centuripe, Motta Sant’Anastasia, Paternò, Ragalna, Regalbuto, Santa Maria di Licodia e Troina), dall’Università degli Studi di Catania e dal Presidio Partecipativo. Il Patto istituisce un modello innovativo di governance partecipata del territorio, ha come obiettivo l’implementazione di un piano di sviluppo sostenibile nato dal basso per la tutela proattiva e che si ispira ai principi di solidarietà sociale ed economia circolare.

Image